STI Racconta

Il Red Meat Integrated Project di ABMC, Oman

Il gruppo Al Bashayer Meat Company SAOC “ABMC” ha avviato nel 2017 un progetto per la costruzione di uno stabilimento per la macellazione e lavorazione di carne rossa di classe mondiale. Si tratta del primo del suo genere nel Gulf Cooperation Council (GCC) e Al Bashayer Meat Co ha l’obiettivo di posizionarsi come fornitore primario di carne nel Sultanato dell’Oman.

Gli animali saranno prevalentemente importati, ma è già stata prevista l’espansione di un impianto di alimentazione e riproduzione, oltre a ulteriori processi di lavorazione della carne e sottoprodotti per la vendita in Oman e l’esportazione.

Dall’inizio del 2018 STI engineering, tramite la sede Omanita di Muscat e in collaborazione con Hoehler+AlSalmy Architects and Engineers LLC, sta seguendo questo ambizioso progetto in qualità di Lead Consultant. Il team di lavoro è inoltre supportato dai locali Architectural Wall Systems LLC e Tenable, rispettivamente per le pratiche strutturali (Engineer of Record) e antincendio.

Con questo incarico STI Engineering ha potuto mettere in campo la propria esperienza nel settore del food & beverage, con più di 300 progetti sviluppati in quasi 30 anni di attività, in particolare nel mondo della macellazione e della lavorazione della carne. Tra i nostri clienti citiamo importanti aziende come Gruppo Cremonini, Inalca, MARR, per cui abbiamo sviluppato stabilimenti in diverse parti del mondo.

Il sito si trova a Thumrait, nella regione del Dhofar nell’Oman meridionale e copre una superficie totale di 9.000.000 mq, con 229.000 mq di aree pavimentate e strade e una superficie di costruito di 55,000 mq.
Il complesso comprende un’area riservata al bestiame suddivisa in quarantena e allevamento, di 363,000 mq ciascuna, progettate per contenere 576 recinti per un totale di 16.000 bovini e 91.520 ovini.
Il progetto comprende inoltre uno stabilimento per la macellazione e la lavorazione della carne con una capacità produttiva prevista che raggiunge cifre impressionanti: 60 capi/ora per i bovini e ben 450 capi/ora per gli ovini, vale a dire una produzione annuale di 12.800 tonnellate di carne bovina e 7000 tonnellate di carne ovina.

Quarantena e Allevamento
Il complesso è stato concepito come una moderna e organizzatissima farm, dotata di strutture ad elevato standard. Uno degli aspetti più importanti del progetto è stato fin da subito l’altissimo livello igienico-sanitario garantito e il benessere del bestiame.

Gli animali saranno alloggiati in spazi puliti e che assicurano libertà di movimento, in conformità con gli standard internazionali. É previsto un servizio veterinario continuativo nel tempo e un sistema alimentare di altissima qualità.
Particolare attenzione sarà prestata alle razze locali, sia per la loro unicità, sia per le preferenze dei consumatori, con l’adozione di un programma specifico di allevamento ed ingrasso che consenta la salvaguardia delle razze omanite.

La lavorazione della Carne
Anche per la lavorazione della carne saranno applicati i più alti standard di igiene e sicurezza alimentare (HACCP e ISO) e i più moderni metodi di lavorazione del prodotto presenti nel settore e richiesti per i prodotti certificati Halal.
Questa carne infatti, deve subire il rito di macellazione halal e successiva lavorazione, rispettando i precetti islamici ed evitando forme di contaminazione e di sofferenza per l’animale.

In aggiunta a questi prodotti, il complesso di ABMC comprende un impianto di rendering per la lavorazione della pelle e dei sottoprodotti della macellazione, per garantire il massimo utilizzo del capo, oltre ad un impianto di trattamento delle acque reflue.

Uffici e Camp
Il complesso ospita in loco l’intero personale con un camp in grado di alloggiare circa 500 persone, che possono usufruire inoltre di mensa, sale di preghiera, aree all’aperto e servizi vari. Il blocco di accesso all’intero complesso (2000 mq) comprende uffici, reception, sale meeting e di training.

Si tratta dunque di un progetto ambizioso e avvincente che coinvolgerà STI Italia, STI Oman e tutti i nostri collaboratori impegnati nella progettazione, consulenza tecnica specializzata e direzione lavori per i prossimi 2 anni e su cui vi terremo informati sulle pagine di questo sito. A presto!

Il 27 febbraio 2019 si terrà la cerimonia per la posa della prima pietra presso il cantiere del progetto.

 

Per maggiori info su ABMC vi invitiamo a leggere questo articolo su Dr Ghalib Al Saidi, The CEO Magazine.