STI Racconta

STI Marine Division

È ormai prossima l’apertura del nostro ufficio dedicato alla Divisione Marine di STI Engineering.
Roberto Cogoi, Managing Director di STI Marine, ci dà qualche anticipazione di questa nuova avventura.

 

Manca poco all’apertura del nuovo ufficio di STI Engineering, dedicato alla Divisione Marine, che cosa ci può anticipare di questa novità?
STI Marine è una nuova divisione di STI Engineering specializzata nella progettazione e consulenza impiantistica navale, nata dalla crescente richiesta di servizi di ingegneria specialistica emersa recentemente nel mondo della cantieristica da crociera.
Operativamente siamo partiti già nell’ultimo trimestre del 2018, grazie all’acquisizione di alcune importanti commesse che hanno visto coinvolto un team di progettisti impiantisti specializzati. A questo punto abbiamo deciso di implementare un’intera divisione dedicata a questo specifico settore sia per meglio servire i nostri clienti, che per focalizzarci sulla specificità di questo tipo di ingegneria impiantistica.

Chi lavorerà quindi in STI Marine ?
L’ufficio verrà utilizzato da un gruppo di progettisti composto in parte da nostri dipendenti storici, che porteranno il loro contributo in termini di standardizzazione, cultura aziendale ed esperienza impiantistica derivante da altri segmenti di mercato, in parte da personale esperto del settore navale, che contribuirà con la propria esperienza specifica del settore, ed infine da una quota di nuovi assunti di provenienza sempre del settore, al fine di aumentare il bacino di competenze a servizio dell’ingegneria per la cantieristica da crociera, che nell’ultimo periodo ha visto un’esplosione della domanda.

Effettivamente il comparto delle navi da crociera è nettamente in crescita ed in particolare in Italia, a dispetto delle dinamiche che globalmente affliggono la cantieristica navale, che cosa sta succedendo esattamente?
Negli ultimi anni a livello mondiale c’è stata una flessione importante nel settore delle navi mercantili portacontainer e portarinfuse, che ha raggiunto i minimi storici. Se già per le navi passeggeri si è registrata una leggera ripresa a partire dal 2017, Il comparto delle navi da crociera, al contrario, è in netta controtendenza, con la cantieristica Europea al traino dell’intero settore, davanti a colossi come Giappone, Cina e Corea che stentano a convincere su questo segmento del mercato. Già a partire dal 2016 il settore crociere aveva registrato un boom degli ordinativi, quindi un panorama nettamente positivo per l’Europa in cui l’Italia ha un ruolo da protagonista grazie principalmente a Fincantieri e alla controllata Vard.
Per fare qualche numero, a dicembre scorso si registravano 123 navi da crociera in ordine di cui oltre 50 nel portafoglio di Fincantieri e Vard (fonte: Cruise Industry News)
Tutto il 2017 e 2018 hanno visto conferma di questo trend, che secondo gli esperti del settore è confermato anche nel medio termine.

Impazienti di poter entrare nei nuovi uffici di Trieste quindi? Si tratta di una posizione strategica?
Sì, gli artigiani e gli impiantisti sono già all’opera sotto la direzione delle sempre preziose Arch. Stefania Scarsini e Arch. Stefana Virgilio, che hanno studiato in tempi record una soluzione ottimale per il nostro staff e l’apertura della sede è prevista entro pochi giorni.
L’ufficio si trova in via Von Bruck, strategicamente al centro del mondo navale di Trieste con vicini quali Fincantieri, Cartubi e Accademia Nautica dell’Adriatico

Per maggiori informazioni non esitate a contattarci: marine@sti-engineering.it